• Ricerca per auto
  • Ricerca per nome
  • Ricerca per codice

Ricerca prodotto
inserisci il codice
Seleziona marca
Seleziona modello
Seleziona versione

Marmitta Catalitica

Marmitta Catalitica: a cosa serve e come funziona


Marmitta cataliticaLa marmitta catalitica è stata una delle più grandi invenzioni per il controllo delle emissioni nella storia del monitoraggio di carbonio e di emissioni di gas serra nell'atmosfera. Si inizia dal motore, ma la marmitta catalitica è l'ultima fermata per i gas di scarico e l'ultima occasione per riciclare l'aria prima di spararla in atmosfera e di conseguenza nei nostri polmoni.

Ma vediamo come funziona in sostanza: I gas di scarico caldi escono da motore attraverso l'impianto di scarico fino ad arrivare alla marmitta catalitica. All'interno di questo tubo espanso vi è una massiccia rete con struttura a nido d'ape in ceramica. Questo posto di blocco di ceramica è stato rivestito con composti che reagiscono con i gas di scarico per eliminare alcune emissioni nocive.

 

Anche se lo scarico è arriva ad alta velocità, le molecole che rivestono le ceramiche sono in grado di reagire in pochi millisecondi, convertendo i gas nocivi in sostanze meno dannose come azoto, anidride carbonica o vapore acqueo.

 

Ci sono molti fattori che influenzano le prestazioni della marmitta catalitica. Il convertitore funziona in congiunzione con i sensori di ossigeno detti anche sonda lambda, per rendere lo scarico il più pulito possibile. Finché tutto funziona come dovrebbe - motore a temperatura di lavoro corretta, rapporto aria / carburante ottimizzato - il sistema funziona davvero bene.

Ma un sensore ossigeno difettoso può alterare il rapporto aria / carburante, danneggiando la marmitta catalitica. Se la miscela del carburante è troppo poca, il convertitore non avrà gli elementi giusti per pulire i gas di scarico. Se invece è troppo ricca il convertitore si riscalda fino al punto di fusione. Se la vostra auto brucia olio o perdite di liquido refrigerante nel motore, questi elementi contaminanti si possono raccogliere sulla ceramica all'interno del convertitore e causare intasamento.

 

 

Gli elementi nocivi dei gas di scarico



Una volta che la marmitta catalitica raggiunge la temperatura di regime (di solito tra i 400 ei 600 gradi Fahrenheit) il rivestimento interno composto di ceramica comincia a convertire le tre emissioni nocive in emissioni meno nocive. Le tre emissioni nocive regolate dalla EPA sono il monossido di carbonio (CO), gli idrocarburi ed i composti di Azoto.

Monossido di carbonio: la maggior parte dell'aria utilizzata che esce dal motore è anidride carbonica o CO2. Ma poiché la combustione non è sempre perfetta o completa, alcune delle molecole di carbonio possono prelevare Ossigeno creando monossido di carbonio, un gas inodore mortale. Il convertitore catalitico crea una reazione tra la sue particelle d'aria circostanti per trasformarlo in acqua.

Idrocarburi: un idrocarburo è un composto a base di carbonio e idrogeno che può essere bruciato. Le emissioni di idrocarburi coprono una vasta gamma delle emissioni nocive e sono dannose se respirate; inoltre contribuiscono notevolmente all'accumulo di smog nelle aree urbane.

Composti di Azoto: sono l'elemento più difficile da eliminare anche per il convertitore catalitico. Le emissioni di NOx sono fondamentalmente molecole di azoto che si sono combinate con l'ossigeno e causano smog e piogge acide.


 

RICHIEDI UN PREVENTIVO

 

PER UNA MARMITTA CATALITICA


Copyright © 2014 Autoricambi Gonnella Domenico & C snc Via belvedere 247, 84091 Battipaglia (SA) P.iva/C.F.02150990659 tel.0828 671354 email info@goricambi.it
I marchi citati in questo sito sono di proprietà esclusiva delle case automobilistiche e vengono qui usati esclusivamente per facilitare la ricerca dei veicoli ai nostri clienti